Ad alcuni di voi di voi lungo il cammino di Santiago sarà capitato di assistere ad una "queimada".

E' la preparazione di una bevanda alcolica gallega di molto effetto.
Alcuni sostengono essere un rituale celtico, ma alcuni studiosi affermano non poter essere anteriore al XII° - XIII° quando è stato introdotto l'alambicco (di origini arabe). E anche lo zucchero, uno degli ingredienti fondamentali della queimada, lo introdussero nella penisola iberica gli arabi.
Quindi si presume essere una bevanda di origini medioevali.

Preparazione:
per ogni litro di aguardiente (grappa bianca), servono 120g di zucchero, una scorza di limone ed alcuni chicchi di caffè. (alcuni mettono anche dei pezzi di mela o acini d'uva)
Si mettono gli ingredienti possibilmente in un recipiente di terracotta.
Con un lungo mestolo si raccoglie un po’ di liquido a cui dare fuoco lontano dal recipiente. Il mestolo infuocato si riavvicina lentamente facendo così accendere tutto l’alcool, tenendosi a debita distanza. Quando la fiamma assume un colore blu si mescola fino a completo discioglimento di tutto lo zucchero. Dopo aver spento il fuoco si può servire in tazze o bicchieri.
Fare attenzione a non bruciarvi
Durante la preparazione si è soliti recitare la filastrocca rituale, il "conjuro de la queimada" (conxuro in galiziano), rituale inventato da Mariano Marcos Abalo nel 1967 a Vigo.
Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: queimada.jpg 
Visualizzazioni: 222 
Dimensione: 74.9 KB 
ID: 451Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: SAM_4135.jpg 
Visualizzazioni: 220 
Dimensione: 13.4 KB 
ID: 452Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: SAM_4145.jpg 
Visualizzazioni: 224 
Dimensione: 14.1 KB 
ID: 453

Conjuro de la queimada
Buhos, lechuzas, sapos y brujas.
Demonios maléficos y diablos, espíritus de las nevadas vegas.
Cuervos, salamandras y meigas, hechizos de las curanderas.
Podridas cañas agujereadas, hogar de gusanos y de alimañas.
Fuego de las almas en pena, mal de ojo, negros hechizos, olor de los muertos, truenos y rayos.
Ladrido del perro, anuncio de la muerte; hocico del sátiro y pie del conejo.
Pecadora lengua de la mala mujer casada con un hombre viejo.
Infierno de Satán y Belcebú, fuego de los cadáveres en llamas, cuerpos mutilados de los indecentes, pedos de los infernales culos, rugido de la mar embravecida.
Vientre inútil de la mujer soltera, maullar de los gatos en celo, pelo malo y sucio de la cabra mal parida.
Con este cazo levantaré las llamas de este fuego que se asemeja al del infierno, y huirán las brujas a caballo de sus escobas, yéndose a bañar a la playa de las arenas gordas.
¡Oíd, oíd! los rugidos que dan las que no pueden dejar de quemarse en el aguardiente quedando así purificadas.
Y cuando esta queimada baje por nuestras gargantas, quedaremos libres de los males de nuestra alma y de todo embrujamiento.
Fuerzas del aire, tierra, mar y fuego, a vosotros hago esta llamada: si es verdad que tenéis más poder que la humana gente, aquí y ahora, haced que los espíritus de los amigos que están fuera, participen con nosotros de esta queimada.

Traduzione
Gufi, civette, rospi e streghe.
Demoni, folletti e diavoli, spiriti delle fattorie nebbiose.
Corvi, salamandre e maghe: incantesimi delle guaritrici.
Tronchi decomposti e scavati, casa di vermi e parassiti.
Fuoco delle anime in pena, malocchio e magia nera, l’odore dei morti, tuoni e fulmini.
Ululato del cane che annuncia la morte; muso di satiro e zampa di coniglio.
Lingua peccatrice di donna malvagia sposata con uomo vecchio.
Inferno di Satana e Belzebù, fuoco che brucia i morti, corpi mutilati dei miserabili, peti di culi infernali, ruggito del mare in tempesta.
Grembo sterile della donna nubile, miagolii dei gatti in calore, pelo sporco e cattivo di capra malevola.
Con questo mestolo solleverò le fiamme di questo fuoco che assomigliano a quelle dell’inferno,
e scacceranno le streghe a cavallo delle loro scope, che andranno a fare il bagno sulle spiagge dalle sabbie grasse.
Udite! Udite! Le grida che emettono loro che non possono smettere di bruciare nel liquore diventando così purificate.
E quando questo intruglio scenderà nelle nostre gole, saremo liberi da ogni male della nostra anima e da ogni stregoneria.
Forze di aria, terra, mare e fuoco, a voi faccio questa chiamata:
se è vero che avete più potere dell’umana gente, qui e ora, fate che gli spiriti
degli amici che non sono con noi, si uniscano per questa Queimada.

Ecco un video!